A differenza di molte attività presenti in rete che propongono software gestionali per la mappatura dei cespiti aziendali, noi siamo specializzati soltanto nel censimento degli asset informatici presenti in azienda.


Censimento dei cespiti informatici

I cespiti di natura informatica e tecnologica sono variegati e di difficile gestione.
Si possono riassumere in questo elenco:

  • Computer fissi o PC
  • Computer portatili, notebook o laptop
  • Tablet e Surface
  • Lettori firma digitale
  • Stampanti locali
  • Stampanti di rete multifunzione
  • Scanner
  • POS e Pin pad
  • Registratori di cassa
  • Smartphone, telefonia mobile
  • Monitor
  • Webcam
  • TV e LED display
  • Telefoni VOIP
  • Router
  • Switch e hub
  • Ripetitori wi-fi
  • Server
  • Dispositivi di videosorveglianza
  • Totem
  • Lavagne interattive
  • Proiettori

Inventario degli accessori tecnologici

É in crescita la domanda per la tracciatura dei beni accessori, non considerati beni durevoli. Questi sono:

  • tastiere e mouse
  • docking station
  • borse
  • cuffie per le chiamate
  • cavi di sicurezza
  • adattatori Manhattan
  • cavi ethernet

Questa esigenza nasce dal bisogno avere un quadro più completo al fine di mantenere allineato l'inventario reale dei beni aziendali.


SISTEMI DI RILEVAZIONE PER L'INVENTARIO INFORMATICO

I nostri tecnici informatici si adeguano ai clienti ed ai loro sistemi utilizzando i gestionali in azienda, dove presenti.
Laddove non fossero disponibili software di gestione dei beni strumentali, possiamo fornire una consulenza sulla migliore soluzione da adottare proponendo quegli applicativi a seconda delle reali necessità aziendali, alcuni completi di geocalizzazione.
Molti progetti sono stati completati tracciando tutti i dispositivi informatici sfruttando dei semplici fogli Excel, ma ben organizzati in tabelle strutturate per l'inserimento di tutte le informazioni relative ai beni quali:

  • numero di serie;
  • nome prodotto;
  • costruttore;
  • marchio;
  • ubicazione;
  • utente assegnatario.

Lettura degli asset con lo scanner barcode

I nostri tecnici possono essere muniti di lettori barcode al fine di velocizzare l'attività e nello stesso tempo garantire una maggiore precisione nella mappatura degli asset informatici.
In sede di rilevazione, provvediamo altresì a fotografare le etichette per una verifica incrociata (controllo qualità).


ETICHETTATURA DEI DISPOSITIVI INFORMATICI

Il compito di censire i dispositivi tecnologici con l'apposita etichettatrice, è un servizio che possiamo coprire in caso di necessità. In molte realtà aziendali, i beni informatici sono ulteriormente catalogati con il numero di asset interno con l'etichettatura sul cespite.
Questa pratica è ricorrente nelle grandi realtà come le banche, assicurazioni, scuole e enti pubblici in generale. L'etichettatura può essere sostanzialmente di tre tipi: il classico codice a barre, il codice qr ed il sistema RFID. Vediamoli nel dettaglio:


CODICI A BARRE – É la tecnica più anziana, ma ancora la più diffusa. Un barcode è composto da una grafica a barre che traduce un codice alfanumerico di facile lettura mediante appositi scanner.


QR CODE - É una soluzione più evoluta di identificazione del cespite nella cui etichetta in modalità codice QR, sono raccolte tutte quelle informazioni afferenti l'asset che posso essere semplicemente lette con uno smartphone.


RFID – L'identificazione con la radiofrequenza, è un sistema di identificazione “a distanza” dell'asset. Grazie alle informazioni contenute in un TAG composto da un microchip ed un'antenna, la lettura del cespite potrà avvenire anche se l'etichetta fosse nascosta all'interno di uno chassis, evitando così lo spostamento, o l'apertura del bene per la lettura del codice assegnato.


ALLINEAMENTO CONTABILE DEI BENI INFORMATICI

La legge italiana prevede la tenuta del registro dei beni ammortizzabili conosciuto anche come libro dei cespiti. Il suo scopo è quello di registrare l'entrate e le uscite dei beni durevoli ed il loro relativo piano di ammortamento stabilito da un coefficiente (secondo le tabelle).
Le quote di ammortamento dei beni strumentali saranno dedotte dal reddito del conto economico e figureranno nella colonna degli oneri.
Da qui si deduce l'importanza della tenuta di un inventario reale allineato al registro dei cespiti, e non da meno sono da considerare i dispositivi informatici il cui costo di acquisto non può essere dedotto per intero nel primo esercizio contabile, ma bensì spalmato per cinque anni finché il suo valore non si azzera.
Molte imprese adottano la soluzione del leasing o del noleggio, tuttavia, le varie legislature hanno sempre di più agevolato e favorito gli investimenti in beni durevoli grazie a misure come il super-ammortamento e industria 4.0.

DOVE OPERIAMO

Di base a Siena, operiamo in tutto il territorio nazionale e all'estero.

Email: info@gatstudio.it - Tel./Whatsapp : +39 380 7059176

QR code scanner

TAG: inventario informatico, asset managment, beni strumentali, cespiti informatici ammortizzabili

Consulenza Help Desk e rollout

abbiamo collaborato con:

Principali Brand per i quali abbiamo avuto il piacere di fornire le nostre consulenze